4shared

SUCCESSO A WASHINGTON PER L’EVENTO SLOW FOODS USA – US-ITALY GLOBAL AFFAIRS FORUM

08/12/2016 – 15.28
SUCCESSO A WASHINGTON PER L’EVENTO SLOW FOODS USA – US-ITALY GLOBAL AFFAIRS FORUM

WASHINGTON\ aise\ – US-Italy Global Affairs Forum – organizzazione che opera a Washington DC e che si occupa di raccogliere e promuovere informazioni e notizie legate alle dinamiche transatlantiche con particolare attenzione alle relazioni tra Usa e Italia – e l’Italian Cultural Society of Washington DC hanno ospitato nei giorni scorsi Richard McCarthy, direttore esecutivo di Slow Food USA, arrivato direttamente da New York per parlare di sostenibilità, cibo locale e biodiversità. Nell’incontro a Washington, McCarthy ha sottolineato l’importanza di sostenere i produttori locali e di costruire collettivamente un buono, pulito e giusto sistema alimentare che possa divenire un bene comune.
MCCarthy ha inoltre promosso alcuni iniziative molto importanti di Slow Food, come Terra Madre, una grande conferenza – marketplace organizzata in collaborazione con il Salone del Gusto di Torino, Italia; Slow Meat, un evento internazionale che si propone di allontanarsi dalla tirannia della carne a buon mercato e infine “The Ark of Taste”, un catalogo vivente di cibi unici e caratteristici in via d’estinzione.
“Per identificare e difendere questi alimenti è importante mantenere la loro presenza a valle della filiera produttiva ma anche e soprattutto sulle nostre tavole” ha affermato McCarthy durante la presentazione.
Un altro progetto interessante è la il Programma Nazionale degli orti nelle scuole che coinvolge più di 20 scuole in tutti gli Stati Uniti. In particolare, il progetto di una di queste scuole è stato messo in risalto durante l’evento grazie alla partecipazione di Niraj Ray, fondatore e CEO di Cultivating the City. Questa associazione non-profit sta collaborando con Miner Elementary School, Washington DC per fornire la cosiddetta “educazione alimentare” per bambini e genitori attraverso la creazione di un orto scolastico.
L’ultimo ospite, Mike Koch, direttore di Firefly Farms e FreshFarms Market, ha invece condiviso la propria esperienza e i suoi deliziosi formaggi come produttore locale situato nel Maryland, dimostrando il suo pieno sostegno alla missione di Slow Food.
Le presentazioni hanno ispirato molte domande e commenti interessanti da un pubblico numeroso di circa 100 ospiti.
L’evento è stato reso possibile grazie alla partnership consolidata con l’Istituto Italiano di Cultura dell’Ambasciata Italiana di Washington DC.
“Durante questo evento, abbiamo avuto l’opportunità di ringraziare Angela Tangianu per il suo ottimo lavoro nel dirigere l’Istituto Italiano di Cultura dell’Ambasciata Italiana, e per essere molto favorevole delle organizzazioni locali come la nostra”, sottolinea US-Italy Global Affairs Forum.
Il prossimo evento di Slow Food a Washington si terrà presso SAIS – Johns Hopkins University l’8 febbraio 2017: in questa occasione, economisti ed esperti provenienti dal Fondo Monetario Internazionale e dalla Banca Mondiale discuteranno su tematiche come la sostenibilità alimentare, le questioni agricole e le sfide allo sviluppo internazionale. (aise)